2 November 2016

Perché la poesia per molti può essere difficile

Antonella Francini ci fa leggere alcune poesie della poetessa americana Dorothea Lasky

Da: Dorothea Lasky, Rome, Norton (2014)

Traduzioni di Antonella Francini

 

PERCHE'  LA POESIA  PER MOLTI PUO' ESSERE DIFFICILE

 

Perché parlare ai morti non è cosa da fare

Quando hai da fare altro in giornata

Tipo portar via la spazzatura o passare l'aspirapolvere 

Sul bordo fra i fornelli e la dispensa

Perchè il ratto è ovunque

Striscia dappertutto

O piuttosto cammina

Non ti nota nemmeno

Ha intenzioni tutte sue

E cerca quella busta perfetta di patatine

    come eri tu una volta

Perché la vita non è più importante del mangiare

O scopare

O convincere qualcuno a scopare

O convincere qualcuno a fare qualcosa

O dormire sodo e tranquilli

E sperare solo nella gente che ha messo in te tranquillità 

O lasciarsi andare dignitosamente

Perché la poesia ti ricorda 

Che non c'è dignità

Nel vivere

Si fa quel che si può e per che cosa

Jack Jack gli hai scritto                       

Hai scritto a tutti noi

Non ero neanche nata

Mi hai scritto

Una palla rossa e verde che muove scintille

Negli occhi dei miei genitori

Mi hai scritto e ho ascoltato

Ho ascoltato credimi ho ascoltato 

E sono tornata

No

Per molti la poesia è difficile 

Per il suono

 

WHY POETRY CAN BE HARD FOR MOST PEOPLE 

 

Because speaking to the dead is not something you want to do
When you have other things to do in your day
Like take out the trash or use the vacuum
In the edge between the stove and cupboard
Because the rat is everywhere
Crawling around
Or more so walking
And it doesn’t even notice you
It has its own intentions
And is searching for that perfect bag of potato chips    
       like you once were
Because life is no more important than eating
Or fucking

Or talking someone into fucking
Or talking someone into something
Or sleeping calmly and soundly
And all you can hope for are the people who put that calm in you
Or let you go into it with dignity
Because poetry reminds you
That there is no dignity
In living
You just muddle through and for what
Jack Jack you wrote to him
You wrote to all of us
I wasn’t even born
You wrote to me
A ball of red and green shifting sparks
In my parents’ eye
You wrote to me and I just listened
I listened I listened I tell you
And I came back
No
Poetry is hard for most people
Because of sound

 

*****

 

 

ERI COSI' BIONDO

 

Lo sapevo lo sapevo

Ma tu eri così biondo e morbido

Che mi sono dimenticata di tutte le cose da fare

Che avevo bisogno di fare

Come Sor Juana e Hannah Weiner

La tua pelle così morbida e giovane

Che mi sono dimenticata d'avere un bambino

O pitturarmi le unghie a smalto di crema d'uovo

Sono scesa giù da te e ti ho pensato nei tuoi pensieri

I tuoi pensieri non sono semplici

Ma chi li conoscerà mai

Chi potrebbe essere più esplicito di te

Per un milione di emozioni

Oh le tue emozioni sono un milione di colori

E ti ci vorrà un centinaio d'anni per ritrovarmi

Fanculo, fanculo a te

Per te cercavo di rendere tutto più facile questa volta

Invece ho aspettato aspettato

Senza mai cedere

È vero quello che dicono

La poesia è una forza distruttrice

La tua schiena nella foto

Che ti fece lei

Ecco la cosa che ricorderò sempre

 

 

YOU WERE SO BLOND

 

I knew it I knew it

But you were so blond and soft

I forgot about all of the things I had to do

I needed to do

Like Sor Juana and Hannah Weiner 

Your skin was so soft and young

I forgot about having a baby

Or painting my nails with eggcream

I went down to your place and thought about you in your thoughts

Your thoughts are not plain

But will anyone ever know them

Could anyone be more plainspoken than you

For a million emotions

Oh your emotions are a million colors

And it will take you a hundred years to find me again

Fuck, you fuck

I tried to make it easier on you this time

Instead I waited and waited

And never gave up

It's true what they say

Poetry is a destructive force

Your back in the photo

That she took

This is the thing I will always remember

***

I POETI ROMANI

 

I poeti romani mi hanno portato fin qui

per andare fino in fondo

 

M'hanno segnata da piccola

Messo in me le parole

 

Per essere qui

Tutte le poesie perse come fogli gettati sulla strada

 

Se ho fatto di tutto per essere qui con te

Se mi sono presa tutto 

 

Per cantarlo a te

 

Allora sì amore ne valeva la pena

Solo per vivere questa vita con te come amico 

 

E non un amante

Ma chi se ne frega alla fine

 

La luce era fioca e scialba 

Quando mi sono svegliata e l'ho lasciato

 

Nella luce dell'alba

Quando l'ho lasciato questo glorioso corpo animale

 

Per essere il tempo

Che svuota sui prati di porpora

 

La fine delle cose

 

THE ROMAN POETS

 

The Roman poets brought me to this day

To see this thru

 

They marked me when I was little

They put the words in me

 

To be here

All the poems I have lost as papers I threw in the street

 

If I did it all to be here with you

If I took it all in

 

To sing it to you

 

Then yes love it was worth it

Just to live this life with you as my friend

 

And not a lover

But who cares anyway

 

The light was dim and drab

When I woke up and left it

 

In the light of the dawn

When I left this glorious animal body

 

To be the weather

That empties on the purple lawns

 

The end of things

 

                        *****

 

I MORTI DEVONO UN SACCO DI TASSE

 

I miei morti devono un sacco di tasse

Così mangio qualche wafer al cioccolato e ci penso

Non te, perché tu amore sei morto

Solo come un mucchio di stucchevole nulla

Io sola lo noto

Sarebbe più facile se non ti fossero piaciute le donne

Ma io so cos'è l'arte greca

E una volta scolpii una statua

La cosa triste è che la gente mi dà consigli

In effetti messa al comando farò sempre la cosa sbagliata

Dio pensavo proprio tu fossi qualcuno

Ora lo stregone mi dice non è che l'insegna blu all'entrata

Così chiudo gli occhi finché il mondo non muore all'improvviso

Così chiudo gli occhi e spero tu possa essere sostituito

Ma dovrò davvero lavorarci

Questa è la notte buia dell'anima

E io sono così infuriata bello mio

Ma non più per te

Il che per te è così triste 

Oh perfino tu puoi capire davvero quanto questo sia triste 

 

THE DEAD OWE A LOT OF TAXES

 

My dead relatives owe a lot of taxes

So I eat some chocolate wafers and think about it

Not you, because you love are dead

Just a bunch of cutesy nothing

Am I the only one who notices this

It would be easier if you didn’t like women

But I know what Greek Art is 

And I once made a sculpture

The sad thing is people give me advice

Really at the helm I will always do the wrong thing

God I just thought you were someone

Now the witch tells me it’s just the blue sign in the doorway

So I shut my eyes until the world drops dead

So I shut my eyes and hope that you might be replaced

But really I will have to work

This is the dark night of the soul

And I am so wild baby

But not for you anymore

Which is so sad for you

Oh even you can realize just how sad that is

 

Dorothea Lasky (1978) ha pubblicato le raccolte AWE (2007), Black Life (2010), Thunderbird(2012) e Rome (2014). Insegna poesia alla Columbia University, dove co-dirige il programma di scrittura creativa Artist/Teachers.
Condividi su
Antonella Francini