7 March 2017

Giovedì a Rimini si presenta il nuovo libro di Rosita Copioli

Accanto all'autrice presso il Museo della Città l'assessore Massimo Pulini e lo scrittore Piero Meldini

Giovedì 9 marzo 2017, alle ore 17.30 al Museo della Città di Rimini si presenta il libro di Rosita Copioli "Le acque della mente" (Mondadori).

L'autrice converserà con Ennio Grassi, saggista Piero Meldini, scrittore Massimo Pulini, assessore alle Arti del Comune di Rimini Rosita Copioli è una delle più importanti voci della poesia italiana contemporanea, riferimento per la natura lirica cristallina e per l'altezza leteraria e simbolica del suo verso. Nata a Riccione, ha esordito in poesia con "Splendida lumina solis", Forum 1979; a cui sono seguiti "Furore delle rose", Guanda 1989; "Elena", Guanda 1996; "Odyssée au miroir de Saint-Nazaire", Maison des écrivains 1996; "Il postino fedele", Mondadori 2008; "Animali e stelle", Stampa2009 2010; "Le acque della mente", Mondadori 2016. Ha diretto la rivista «L’altro versante» (1979-1989). Ha curato e tradotto Yeats (Il crepuscolo celtico, Theoria 1987, SE 2001; Anima Mundi. Saggi sul mito e sulla letteratura, Guanda 1988, L’artificio dell’eternità. Saggi sull’arte, Medusa 2015), e curato opere di Leopardi (Discorso di un italiano intorno alla poesia romantica, Rizzoli 1998), Goethe (Gli anni di viaggio di Wilhelm Meister, Medusa 2005), Flaubert (La prima Madame Bovary, Medusa 2007). Di prossima pubblicazione un libro su Boiardo e un altro su Fellini. 

 

Come la prima pagina interna, che di un libro fornisce gli elementi essenziali e sostanziali, questa rassegna vuole accompagnare i lettori davanti alla porta di ingresso di nuovi testi.

L'etimo della parola Frontespizio (dal tardo latino frontispicium, composta di frons, frontis ‘fronte’ e del tema di specere ‘guardare’), evoca l'atto di guardare un volto, che restituisce la conoscenza delle principali espressioni e dei caratteri peculiari di una persona.

Anche queste presentazioni ci faranno incontrare il volto di un libro e insieme quello del suo autore. Presentare equivale anche a declinare al presente, al qui e ora, gli infiniti argomenti legati all'arte della scrittura.

La presenza in sala dell'autore è dunque un'occasione per collocare il pubblico in una inedita postazione, aggiuntiva rispetto alla lettura del libro. Conoscere le premesse dalle quali quel testo nasce, gli intenti dai cui lo scrittore è partito per costruirne l'impalcatura, offre un importante arricchimento di senso.

Quando si diffuse il termine italiano "Frontespizio", agli inizi del XVII secolo, le pagine di apertura di un libro contenevano, oltre ai nomi e ai titoli, anche un'architettura di immagini: colonne e timpani, figure allegoriche e oggetti simbolici erano disegnati e incisi a decorazione e viatico di quelle porte d'ingresso al testo.

Massimo Pulini 

www.museicomunalirimini.it

 

Condividi su
Parco Poesia